Breve cronaca di un laboratorio didattico

Bentornati!
Vorrei dedicare qualche riga all’ultimo laboratorio didattico che ho tenuto alla  Ludoteca Bimbirimbò di Sestu lo scorso lunedì 20 giugno 2016.

Anche se si è trattato solo dell’ultimo dei numerosi incontri di questo tipo che ho tenuto nel corso degli anni, in questa occasione ho provato una serie di emozioni particolari; l’esperienza mi ha regalato numerosi spunti di riflessione. Come saprete, o come avrete visto sul mio sito, mi occupo di attività per bambini, ragazzi ed adulti nelle quali unisco la promozione della lettura all’avvicinamento al suono e alla musica con lo scopo di sviluppare nei partecipanti le capacità espressive dell’individuo e le sue competenze relazionali.

Il laboratorio si intitolava “Suoni bestiali” e aveva come tematica gli animali e i loro versi: una serie di racconti, canzoni e attività di musica d’insieme portavano i partecipanti a divertirsi con le storie di bestie simpatiche e curiose, a giocare con i materiali di recupero per costruire degli strumenti, a muoversi a ritmo, a cantare e ballare.
I partecipanti… erano solo quattro: tre bimbi di quattro anni e uno di un anno!
Il fatto che gli iscritti fossero così pochi mi ha portato a dover ripensare sul momento il programma previsto e ad andare “a braccio”… Tuttavia il gruppo ristrettissimo mi ha permesso di osservare con attenzione ogni reazione, emozione e gesto. Ognuno dei piccoli ha avuto il tempo e lo spazio per percepire gli stimoli, avvicinarsi e accogliere gli spunti con il giusto tempo, elaborare e interpretare da sè con grande libertà. Sono certo infatti che lo stimolo proposto debba lasciare al destinatario lo spazio e il tempo di adeguata rielaborazione e di libera espressione; il coordinatore deve avere la sensibilità di comprendere e apprezzare ogni risultato e di coglierlo come “una nuova soluzione” alla quale non va dato un giudizio di valore.

lab 1

Piccole mani curiose, inizialmente timide, hanno presto pizzicato le corde della chitarra, frizionato i “guiros” di tubo
corrugato per ottenere il gracidio della rana, picchiato il “cajon”…
Occhi sgranati e sorrisi smaglianti si sono rivelati pian piano, mentre scoprivano la moltitudine di fruscii, schiocchi, battiti, che potevano essere prodotti semplicemente a mani nude…
E poi la voce e la sue espressione, le dinamiche piano/forte/fortissimo…
Contare e camminare, contare e cantare, battere piedi, mani e pancia…
Racconti e canzoni suscitavano partecipazione, interesse e grandi risate!
Mi ha colpito la capacità manuale dei bimbi più grandi: questo è un aspetto che avevo sempre trovato molto carente durante le precedenti esperienze. Stavolta non c’era timore nel maneggiare plastica e carta, nell’impugnare legni e bacchette, ottima poi l’impugnatura nell’uso del nastro adesivo nella costruzione del “tubo del barrito dell’elefante”. Sembrerebbe banale questa osservazione, ma sono davvero sempre di più i piccoli totalmente disabituati a toccare, prendere, piegare, strappare, rompere… per paura di farsi del male, di sporcarsi, di fare danni o di essere rimproverati.

L’ironia non è mai mancata e nonostante fossero pochi e piccoli loro “stavano sempre sul pezzo” anche quando abbiamo suonato il pavimento, l’armadio, le porte e le sedie!
Pure l’aspetto motorio è stato soddisfacente: si muovevano con scioltezza utilizzando con sicurezza tutto lo spazio disponibile. Insomma, bel pomeriggio ricco di soddisfazioni e spunti per il futuro.

lab 3

Un ringraziamento a Stefania Bicchiri per avermi dato la possibilità di tenere questo laboratorio e per le foto.

Vi aspettiamo ai prossimi due appuntamenti che si terranno sempre alla Ludoteca Bimbirimbò lunedì 18 luglio e lunedì 1 agosto.

Commentate e condividete!!!
Grazie mille, a presto!

Giuberto

Tags , , , , , , ,

COMMENTS (2)

  1. Bianca Mannu
    June 27, 2016 Reply

    Ciao, sei splendido! Ogni tanto, raramente direi, ma quando entro qui e leggo, mi viene tanta nostalgia della scuola. Essendo gonfia di programmi, era forse meno libera e più stipata, ma davvero godevamo io e i bambini di momenti creativi felici. Auguri!

    1. giuberto
      June 29, 2016 Reply

      Grazie Bianca! Lavorare con i piccoli è sempre una grande soddisfazione, oltre che una responsabilità… Spero piuttosto di poter pubblicare su questo blog una tua intervista e delle recensioni sulle tue pubblicazioni :-)

LEAVE A COMMENT